Mar 202020
 

Finalmente ci siamo!

Sono passati tre anni dall’uscita del numero 53 di TALP ma dopo tanto siamo riusciti a ridare nuova vita al nostro periodico. Un numero “pieno” che raccoglie le principali notizie di questi anni quindi ovviamente non proprio dell’ultima ora ma che in qualche modo cercherà di colmare, per quanto possibile, la mancanza di questo lungo periodo.

TALP 54 Copertina

La speranza è che questa nuova edizione serva come punto di partenza per tornare ad essere come in passato un punto di riferimento per l’informazione speleologica toscana e per tutto il mondo speleo.
Un segnale molto incoraggiante è dato dal fatto che la redazione sta già lavorando alla preparazione del numero 55, quindi non è troppo utopistico pensare ad un ritorno alla normalità con la consueta cadenza semestrale in tempi brevi.

Un ritorno alla normalità che è auspicabile anche e soprattutto per questioni ben più importanti che in questi giorni stanno modificando le nostre abitudini quotidiane e che stanno generando non poca apprensione.

TALP 54 Sommario

Il nuovo consiglio federale, appena insediato, non poteva certo iniziare in un modo migliore, raccogliendo il frutto del lavoro fatto dal consiglio precedente, al quale va riconosciuto il merito di averci creduto fino in fondo; in questo ultimo periodo infatti il passato CF ha lavorato per arrivare ad una pubblicazione che sembrava non volersi proprio concretizzare ma che, alla fine, ha premiato gli sforzi e la tenacia di tutti.

Come detto prima la situazione è particolare e le nostre questioni possono passare anche in secondo piano, non ultimo un evidente problema legato alla “logistica” per la distribuzione di TALP con le limitazioni agli spostamenti attuali, ma abbiamo comunque voluto dare un segnale positivo riuscendo a trovare il modo di mandare in stampa ed organizzare la spedizione “alla faccia del covid 19”.

Tra non molto quindi arriveranno le 104 pagine del nuovo TALP anche e soprattutto a casa di chi in questi anni ha continuato a rinnovare l’abbonamento, e visto che purtroppo abbiamo non poco tempo a disposizione avremo anche la possibilità di gustarcelo a pieno.

Feb 222020
 

Alpi Giulie Cinema 2020 assegna il premio Hells Bells Speleo Award al film del Grossetano Roberto Tronconi promosso dalla Federazione Speleologica Toscana e dal Gruppo Speleologico Maremmano del CAI con il patrocinio della Società Speleologica Italiana, della Provincia di Lucca, del Comune di Stazzema e del Parco delle Apuane ed il sostegno fattivo di Corchia Park ente gestore delle grotte turistiche del Corchia.

Inatteso quanto sorprendente il successo data la presenza di produzioni del calibro de “La Venta” e del National Geographic:

Documentario storico di grandissima fattura, questo di Roberto Tronconi, frutto di un lungo e meticoloso lavoro di ricostruzione storica, in cui, attraverso i racconti di alcuni dei protagonisti dell’impresa, si rivivono le tappe fondamentali dell’esplorazione dell’Antro del Corchia, sistema che ad oggi e uno dei maggiori complessi carsici in Italia ed Europa. Il narrato e accompagnato dalle ottime riprese girate ad hoc per ripercorrere le gesta degli esploratori dell’epoca, arricchito da foto e documenti originali.


È con questa motivazione che la Giuria assegna il premio al film Corchia, La Montagna Vuota riconoscendo lo sforzo di ricerca storica e documentale della piccola produzione nostrana, confermando che le immagini, seppur di grande effetto, da sole non bastano a competere con storie di grande emozione. In CORCHIA, LA MONTAGNA VUOTA, c’è tutto: non solo belle immagini, c’è il racconto, c’è la storia, c’è l’emozione di chi c’era e soprattutto ci sono loro, i Protagonisti dell’impresa che con la loro spontaneità e naturalezza hanno reso vincente il Film.

Grosseto, 20.02.2020

Speleo ‘70

Link manifestazione:

altri link:

https://www.cinemaitaliano.info/corchialamontagnavuota

Nov 142019
 

La Federazione Speleologica Toscana bandisce un concorso per l’assegnazione del premio di laurea dedicato a RODOLFO GIANNOTTI.

L’importo complessivo dei premi di laurea che saranno erogati ammonta ad euro 800,00.

Possono presentare domanda di partecipazione al concorso i laureati presso tutte le Università del territorio nazionale in possesso di laurea di primo livello o magistrale di qualsiasi corso che abbiano svolto una tesi di laurea inerente la ricerca sul territorio carsico e/o ipogeo della regione Toscana e abbiano conseguito il titolo di studio dal 1 ottobre 2017 al 31 dicembre 2019.

Il concorso si propone di incentivare la ricerca scientifica collegata al mondo ipogeo, contribuire alla protezione, valorizzazione e tutela del paesaggio carsico di superficie e delle grotte, favorire gli studi di prospezione idrogeologica e protezione delle risorse idriche del sottosuolo ipogeo (con particolare attenzione all’approvvigionamento idrico degli abitati) e sostenere gli studi sul patrimonio paleontologico, paletnologico e storico o inerenti il folklore.

È prevista l’assegnazione di 2 premi ripartiti in due categorie:

 Un premio di € 300,00, per il migliore candidato che abbia conseguito la Laurea di Primo Livello;

Un premio di € 500,00, per il migliore candidato che abbia conseguito la Laurea Magistrale (sia in unico che doppio ciclo).

Il premio in denaro, si intende al lordo degli adempimenti di legge, che gravano sul beneficiario. In aggiunta al premio in denaro ciascun vincitore avrà la possibilità di partecipare gratuitamente ad un corso di speleologia organizzato entro l’anno successivo da uno dei gruppi federati FST.

Nello spirito di valorizzare la crescita professionale ed umana dei candidati, il premio sarà assegnato a laureati e laureate che abbiamo dimostrato qualità di innovazione nella tesi di laurea ed eccellenza nel percorso di studi compiuto. Il concorso è indetto dalla Federazione Speleologica Toscana (FST) che potrà avvalersi di una commissione di esperti del settore.

Federazione Speleologica Toscana
IL PRESIDENTE Marco Innocenzi

ESITO DEI PREMI:

Premio di Lauria di Primo Livello: Dott.ssa Emma Galmarini
“CARATTERISTICHE MINERALOGICHE E TESSITURALI DEGLI SPELEOTEMI PROVENIENTI DALLA “BUCA DELLE FATE DI SAN GIULIANO TERME” (PI) “

Premio di Laurea Magistrale: Dott. Nicola Vivoli
“STUDIO DELLE CARATTERISTICHE ISOTOPICHE E MICROSTRATIGRAFICHE DI UNO SPELEOTEMA DELLA BUCA DELLA RENELLA (ALPI APUANE): IMPLICAZIONI CLIMATICHE ED IDROLOGICHE “

La premiazione si terrà sabato 29 febbraio 2020 alle ore 12:00 durante l’assemblea ordinaria 2020 dei gruppi federati alla FST presso la sede del Club Alpino Italiano Sezione di Pistoia in Via Antonini 7, 51100 Pistoia

Scarica qui il bando completo

Giu 232019
 

Levigliani, 6-7 Luglio 2019

La Federazione Speleologica Toscana organizza, per il 6-7 Luglio 2019, un corso di Meteorologia Ipogea.

Descrizione del corso

La possibilità di tracciare con anidride carbonica i flussi di aria in grotta è molto interessante, in quanto permette di effettuare misure quantitative con tenui costi e strumentazioni alla portata di ogni gruppo speleologico (G.D.Cella, 2016).

Informazioni tecniche e logistiche:

Il corso è aperto a tutti gli speleologi che abbiano già frequentato un corso di Introduzione alla Speleologia.

Il corso è valido come Aggiornamento per i Qualificati Sezionali di Speleologia CAI.

La sede logistica sarà presso l’albergo Vallechiara a Levigliani (LU). 

Programma 

Sabato 6 luglio

  • 8:30 Registrazione dei partecipanti
  • 8.45 Introduzione
  • 9.15 Temperatura, Pressione, Umidità 
  • 10.30 Arie di grotta 
  • 12.00 Misurare i parametri meteoipo 
  • 13.15 Pranzo
  • 14.30 Traccianti aerei 
  • 15.30 Tecniche di tracciamento 
  • 16.30 Meteotopografia 
  • 17.30 Preparazione captori e strumentazione. Spostamento.
  • 18.30 Test di tracciamento
  • 20.15 Cena.

Domenica 7 luglio

  • 8.00 Spostamento.
  • 8.30 Recupero rilevatori. Spostamento
  • 9.30 Metodi di analisi dei traccianti
  • 10.30 Misura delle dimensioni di una grotta con metodi meteoipo
  • 11.30 Tools per l’analisi dei dati
  • 13.00 Pranzo
  • 14.30 Verifica captori, curiosità, domande…
  • 16.00 fine corso

Direttore del corso CAI: INS Andrea Russino

Relatori del corso: IS Gian Domenico Cella e Maurizio Miragoli

Modalità di iscrizione

L’iscrizione al corso deve essereeffettuata inviando entro e non oltre il 2 Luglio a info@speleotoscana.it presentando la seguente documentazione:

  • Domanda di iscrizione su apposito modello firmata
  • Prova di pagamento

Le domande incomplete o arrivate dopo i termini stabiliti non verranno prese in considerazione o al raggiungimento del numero massimo ammissibile.

Quota massima partecipanti: 20 persone

Attrezzature ed abbigliamento 

  • Termometro personale di qualunque tipo, meglio al decimo di grado (costo meno di 10€)
  • Una penna ed un taccuino da rilievo in grotta
  • Materiale di progressione per grotte orizzontali

_______________________________________________________________________________

Per ulteriori informazioni sul corso:

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

E-mail: info@speleotoscana.it

OTTO TOSCANA

E-mail: ottospeleo.toscana@sns-cai.it

  •  23 Giugno 2019
  •  Posted by at 23:23
  •   Commenti disabilitati su METEO IPO – Corso di Meteorologia Ipogea
  •   Senza categoria