Regolamento Federale

 
 Posted by at 0:12

 Regolamento della Federazione Speleologica Toscana

Approvato nell’assemblea del 22/09/2012

SCARICABILE DA QUI

Comunicazioni

Articolo 1

 

Per facilitare e snellire le comunicazioni sia fra gli organi decisionali che verso i Gruppi Grotte e i loro soci, la FST, tramite il sito web ufficiale www.speleotoscana.it e www.speleotoscana.org mette a disposizione i seguenti mezzi:

a)indirizzi ufficiali di email dei gruppi grotte che ne fanno richiesta.
b)indirizzi ufficiali di email dei membri del Comitato Federale e delle commissioni.

c)mailing list di lavoro del Comitato Federale e delle commissioni.
d)newsletter per divulgare verbali e convocazioni. A questa newsletter, oltre ai Gruppi Grotte e gli incaricati, si possono iscrivere tutti gli interessati.
e)mailing list a disposizione della speleologia toscana.
f ) bacheca elettronica sul sito della FST con le newsletter, verbali ecc.

 

SCOPI – (vedi Titolo I dello Statuto)

Articolo 2

 

La F.S.T. per conseguire gli scopi indicati dall’art. 1 dello Statuto:

           favorisce lo scambio di reciproche esperienze fra i Gruppi Grotte della Toscana e fra questi e altri Gruppi Grotte italiani ed esteri;
– facilita la collaborazione fra i Gruppi Grotte e gli Istituti Universitari, gli Enti e le Istituzioni che si occupano di ricerche affini alla speleologia;
– mantiene vivo e continuo il collegamento fra i Gruppi Grotte aderenti, diramando circolari tramite la newsletter e pubblicando un notiziario;
– promuove lo studio del carsismo, dei vari fenomeni che avvengono nelle cavità naturali sotteranee, sollecita le ricerche geologiche, idrogeologiche, biologiche, paleontologiche e di altro genere strettamente connesse con le grotte;
– organizza congressi regionali per lo studio in comune e la discussione di tutte le questioni scientifiche, tecniche e giuridiche riguardanti la speleologia;
– collabora con il C.N.S.A.S nell’opera di prevenzione degli incidenti in grotta;
– promuove l’adesione dei Gruppi Grotte e dei singoli studiosi alla Società Speleologica Italiana sollecitando l’attiva partecipazione alla vita associativa;
– valorizza i risultati conseguiti dai Gruppi Grotte toscani. pubblicando relazioni e notiziari su riviste specifiche;
– illustra e divulga, servendosi della stampa o di conferenze o di proiezioni o di altro mezzo, la bellezza e l’importanza scientifica delle varie manifestazioni del fenomeno carsico, in particolare delle grotte che rivestono un notevole interesse e segnala le caratteristiche di questo patrimonio naturalistico alle competenti autorità, sollecitandone l’intervento per la loro salvaguardia.

 

ORGANI FEDERALI – (vedi Titolo IV dello Statuto)

Articolo 3

 

Il Comitato Federale, allo scopo di ottenere un migliore funzionamento di alcune attività della F.S.T. , istituisce speciali commissioni, ne nomina il o i Responsabile/i  fra i soci maggiorenni dei Gruppi Grotte e ne determina le attribuzioni. I Responsabili scadono comunque al rinnovo del Comitato Federale ma possono essere riconfermati. Il Comitato Federale può altresì affidare a singole persone particolari incarichi, determinandone le competenze ed i poteri. Le commissioni rispondono del loro operato al Comitato Federale e all’assemblea dei delegati.
Ciascuna commissione elabora un proprio regolamento che dovrà essere posto all’approvazione del Comitato Federale.
Le norme relative alla convocazione, alla stesura dei verbali e alla partecipazione delle riunioni delle commissioni sono le stesse che regolano l’attività del Comitato Federale.

 

ASSEMBLEA DEI DELEGATI – (vedi Titolo V dello Statuto)

Articolo 4

 

I Gruppi Grotte potranno richiedere l’iscrizione all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria dei delegati uno o più argomenti, dandone comunicazione scritta al Presidente Federale prima che l’assemblea sia stata convocata.
La richiesta da parte dei Gruppi Grotte per l’inserimento all’ordine del giorno di uno o più argomenti dovrà essere convenientemente illustrata.
La convocazione dell’Assemblea dei Delegati deve essere corredata dell’elenco degli argomenti da trattare. La convocazione delle assemblee deve essere inviata sia tramite newsletter che per posta ordinaria.

 

Articolo 5

 

L’Assemblea dei Delegati, ordinaria e straordinaria, nomina di volta in volta il proprio Presidente, il Segretario e due scrutatori. Il Segretario redigerà il verbale della riunione; gli scrutinatori procederanno al controllo delle votazioni per le deliberazioni dell’Assemblea e allo scrutinio delle schede nel caso di elezioni per il rinnovo delle cariche sociali.
Gli scrutatori, coadiuvati dal segretario del Comitato Federale, controlleranno se i gruppi hanno presentato l’elenco dei soci e delle cariche sociali e il resoconto dell’attività. Coadiuvati dal cassiere del Comitato Federale controlleranno se in regola con il pagamento della quota sociale.

 

Articolo 6

 

Le deliberazioni dell’Assemblea dei Delegati vengono prese per alzata di mano o per appello nominale o per votazione segreta, a seconda della decisione della maggioranza dei Delegati.
Le nomine alle cariche sociali si fanno con votazione segreta seguendo l’ordine di importanza delle cariche; in caso di parità di voti viene effettuato un ballottaggio.

 

Articolo 7

 

II Segretario della F.S.T. avrà cura di inviare tramite newsletter copia del verbale dell’Assemblea firmato dal Presidente e dal Segretario della stessa.

 

COMITATO FEDERALE – (vedi Titolo VI dello Statuto)

Articolo 8

 

Le riunioni del Comitato Federale dovranno essere convocate tramite newsletter con un preavviso di almeno 15 giorni.  L’ordine del giorno definitivo dovrà essere inviato almeno 4 giorni prima della riunione. Possono partecipare tutti gli speleologi aderenti ad un Gruppo Grotte federato.

 

Articolo 9

 

II Segretario coadiuva il Presidente e redige i verbali del Comitato Federale. Modifiche e aggiunte a questi verbali potranno essere richieste dai presenti alla riunione entro 10 giorni dall’invio della bozza alla mailing list di lavoro del Comitato Federale. Passati 5 giorni dall’ultimo invio di richiesta di modifica, il verbale si intende approvato. Solo nel caso che ci siano divergenze sul testo, il verbale sarà posto a votazione via e-mail e il risultato della votazione sarà allagato al verbale. Di seguito questi verbali saranno inviati ai Gruppi Grotte tramite newsletter.

 

Articolo 10

 

Sono valide, senza bisogno di ratifica in una riunione successiva, le decisioni prese a mezzo mailing list. Se esplicitamente richiesto, queste possono essere messe ai voti. Le decisioni sono prese a maggioranza degli aventi diritto di voto e si deve rispondere entro 10 giorni. Le decisioni prese saranno inserite a margine del verbale della riunione successiva.

 

Articolo 11

 

Si possono tenere riunioni con modalità di collegamento elettronico (skype ad esempio). Le norme di convocazione, partecipazione e di stesura dei verbali saranno analoghe a quelle delle normali riunioni.

 

Articolo 12

 

Qualora si verifichi la situazione di impossibilità ad eleggere il Comitato Federale per mancanza di candidati, l’Assemblea dei delegati può nominare un comitato di reggenza che provvederà a gestire la F.S.T. in sua vece. In tal caso occorrerà indire una nuova Assemblea straordinaria, con all’ordine del giorno l’elezione del C.F. e, in alternativa, la nomina del Comitato di Reggenza.

 

Articolo 13

 

Il comitato di reggenza rimarrà in carica per un anno oltre i mesi necessari per fare coincidere la scadenza con l’Assemblea annuale ordinaria, da convocare entro aprile. Il comitato non è rieleggibile e decade qualora nell’Assemblea ordinaria si costituisca il nuovo Comitato Federale.

 

Articolo 14

 

Il Comitato di Reggenza è costituito da 5 componenti eletti dall’assemblea a scrutinio segreto.

 

Articolo 15

 

Il Presidente, quale rappresentante legale, viene scelto all’interno del Comitato di Reggenza nella prima riunione con votazione a maggioranza e comunicato ai gruppi via email entro 3 giorni.

 

Articolo 16

 

In caso di dimissioni di massimo due componenti, il Comitato di Reggenza eletto potrà rimanere in carica ricorrendo ai primi non eletti. In caso di dimissioni di 3 o più componenti si dovranno obbligatoriamente indire nuove elezioni.

 

Articolo 17

 

Per la validità delle sedute occorre la presenza di almeno 3 componenti. Le delibere sono prese a maggioranza di voti dei presenti ed in caso di parità prevale il voto del presidente della riunione.

 

RIMBORSI SPESE

Articolo 18

 

Chi ricopre incarichi e chi effettua lavori per conto della FST ha diritto al rimborso delle spese sostenute. Queste dovranno essere debitamente documentate e consegnate al Cassiere entro il 31 gennaio dell’anno successivo alla spesa, pena la non rimborsabilità della spesa stessa.

 

Articolo 19

 

Sono ammessi i rimborsi delle spese di viaggio, con presentazione di scontrino e/o biglietto. L’uso del mezzo proprio da diritto a rimborso a chilometraggio, specificando sulla richiesta di rimborso il percorso effettuato e il numero di km e la motivazione. Il rimborso è desunto delle tabelle ACI dei costi chilometrici relativa al periodo.

 

Articolo 20

 

Non sono rimborsabili le spese di vitto e alloggio, salvo diversa determinazione del Comitato Federale.

 

CONGRESSI

Articolo 21

 

Saltuariamente, in linea di massima ogni tre anni, il Comitato Federale provvederà a convocare il Congresso Regionale, per rinsaldare i rapporti di amicizia e cooperazione tra gli speleologi, per la discussione di questioni scientifiche ed organizzative riguardanti la speleologia.

 

Articolo 22

 

Il Congresso regionale della F.S.T. viene organizzato dal Gruppo Grotte designato dal Comitato Federale.

 

Articolo 23

 

Il Comitato Federale nominerà una commissione che elaborerà il programma ed il regolamento del Congresso e ne stabilirà, in linea di massima, la data.

 

Articolo 24

 

La spesa per l’organizzazione del Congresso, qualora non ci fossero contributi, è a totale carico della F.S.T.

 

Articolo 25

 

Il Comitato Federale provvederà a pubblicare gli atti nella sede più  idonea.

 

MODIFICAZIONE DELLO STATUTO E DEL REGOLAMENTO GENERALE – (vedi Titolo VIII dello Statuto)

Articolo 26

Per le modifiche del presente Regolamento valgono le norme fissate dall’art. 25 dello Statuto.

 

Articolo 27

 

La richiesta di modifica dello Statuto o del regolamento generale o del regolamento delle commissioni debbono contenere:
a) l’esatto testo dell’articolo o degli articoli da modificare;
b) l’esatto testo dell’articolo o degli articoli che si propongono;
c) una breve esposizione dei motivi per i quali si propone la modifica.